Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Facebook Pixel [noscript]” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

È presente frequentemente una confusione nei vissuti che disturba i livelli di consapevolezza, ma sono presenti anche forme di desensibilizzazione (mancanza di percezione del proprio corpo), che a volte spingono a comportamenti autolesivi che esprimono in modo parossistico il bisogno di sentirsi. È in questi casi che in GT parliamo di disturbo della funzione-Es del Sé. Ricordo il travaglio emotivo e la sofferenza di Maria. Da sei anni lottava contro attacchi di panico devastanti e invalidanti, non usciva di casa se non per lavorare o per brevi tragitti. Come diceva lei, non si riconosceva più: fino a 32 anni tutto era andato bene, si era dedicata al lavoro e alla brillante carriera professionale, era una giovane donna indipendente, autonoma e attiva. All’improvviso, un’estate al mare si verifica il primo attacco di panico. Da allora la paura e l’ansia di stare al mare la bloccano al punto tale da non riuscire più ad andarci. Contemporaneamente, però, il suo corpo inizia a farsi sentire, anche se in questa prima fase è solo attraverso il sintomo che esprime la sua sofferenza devastante. Il suo corpo, infatti, era molto rigido e controllato, perché teneva dentro un grande drammatico segreto. Inizia così la cura psicoterapica e farmacologica. Nel lungo percorso psicoterapico, il lavoro fatto insieme è stato il cominciare a discriminare il suo sentire da un magma indifferenziato, ‘masticare’ e analizzare le sensazioni corporee, dare il giusto nome al suo sentire, permettere al suo corpo di iniziare a sentire e riconoscere i suoi bisogni e vissuti.

Valeria Conte (intervista di R.G. Romano), Il paziente borderline: una ostinata e sofferta richiesta di chiarezza, in G. Salonia,V. Conte, P. Argentino, Devo sapere subito se sono vivo. Saggi di psicopatologia gestaltica, Ed. Il pozzo di Giacobbe, pagg. 152-153



Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano file di piccole dimensioni (cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente. I Cookie tecnici, per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione cookie statistici e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti e i cookie di profilazione. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.
Cookies policy
Privacy policy