GESTALT THERAPY E MUSICOTERAPIA: QUANDO UN INCONTRO E’ POSSIBILE


L’elaborato tratta come Musicoterapia e Gestalt Therapy, pur nelle loro differenze, abbiano dei punti di incontro che facilitano una collaborazione.
Ciò su cui si trovano profondamente d’accordo è la considerazione dell’esperienza anziché dell’analisi del risultato: non è importante il perché, ma il come, il processo dell’esperienza, la spontaneità che emerge nell’esperienza del qui-e-ora, tramite la corporeità e la creatività.

Nell’adattamento creativo e nell’azione si identifica il paradigma della crescita attraverso il fare. Creare diventa agire; perché non è nel prodotto, ma nel produrre che si declina la creatività umana.
La comunicazione tra questi due approcci diviene semplice ed efficace, visto che entrambi puntano sul rispetto per la creatività individuale, sull’importanza della corporeità e sul riconoscimento della bellezza insita nel relazionarsi umano. Gestalt Therapy e Musicoterapia possono collaborare per aiutare il paziente a vivere pienamente nel presente rispettando la propria innata capacità di regolarsi nella relazione e a riappropriarsi del potere su se stesso e sui propri comportamenti, ricollocandosi al centro della propria esperienza.


Dott.ssa Sabrina Pizzol