Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Facebook Pixel [noscript]” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

 È stato importante spiegare a Maria che il suo corpo, ancora impaurito per affrontare il piacere e la novità (del mare), aveva bisogno di un sostegno fisico a cui appoggiarsi (l’amica) e che, come spesso accade al B., è stata confusa e invasa da vissuti non suoi. Ritornare a discriminare, masticare, capire le sue sensazioni e sostenere, anche attraverso i nessi logici da lei stessa forniti, la valutazione della sua esperienza, le ha permesso – a poco a poco – di dare il giusto nome al suo sentire. Così finalmente può ricordare e risanare le ferite e i ricordi che il segreto ha custodito nel corpo per lunghi anni. Ricorda le prime uscite nel cortile di casa, a soli sei anni: «Mi sentivo grande e veloce… potevo stare dietro a tutti i giochi dei maschi». Un mondo di giochi… ma che divenne – sfortunatamente! – mondo di abusi ripetuti e di paure inconfessabili, di prevaricazioni e di ricatti. Inizia a negare per anni, troppi anni, il suo corpo, a dimenticare, scotomizzare esperienze confuse e dolorose, subite e non raccontate. L’eccitazione e l’energia di sentirsi grande diventano dolore e rabbia. Solo ‘grazie’ al primo attacco di panico, il suo corpo ha raccontato, svelato il suo segreto, ed è esplosa la rabbia, tanta rabbia, e dopo tanto dolore e tante lacrime. Se ripenso alla mia paziente, mi colpisce il suo corpo esile, adolescenziale, anche nell’abbigliamento. Le acquisizioni di nuove competenze tecniche e i successi professionali non hanno modificato negli anni il suo vissuto di piccola e fragile, come se non ‘masticasse’ il nuovo e non riuscisse ad integrarlo in modo unitario. Spesso, infatti, questi pazienti non lasciano mai la casa d’origine né la famiglia, e mantengono un ruolo filiale mai del tutto appagato. Di fatto il soggetto B. è incapace di aggiornare il proprio Sé riguardo a ciò che è diventato, chi è nella vita, i ruoli che svolge (disturbo della funzione-Personalità del Sé).
Valeria Conte (intervista di R.G. Romano), Il paziente borderline: una ostinata e sofferta richiesta di chiarezza, in G. Salonia,V. Conte, P. Argentino, Devo sapere subito se sono vivo. Saggi di psicopatologia gestaltica, Ed. Il pozzo di Giacobbe, pag. 154



Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano file di piccole dimensioni (cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente. I Cookie tecnici, per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione cookie statistici e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti e i cookie di profilazione. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.
Cookies policy
Privacy policy