ULTIMI SEI MESI
Penso continuamente all’illuminazione, deve essere qualcosa che non si può spiegare, conoscere, togliere il velo di Maya che mi farà vedere la realtà vera!
Penso: …sembra la sua metafora vedere oltre il velo del delirio!
Si vede ciò che si è pronti a vedere.
– Io sono stato sempre curioso, flessibile, a differenza dei miei genitori che sono rigidi.
– In che cosa ha ereditato la rigidità dei suoi?
– Per dirmi questo sa la risposta.
– Ho una ipotesi…
– Allora quando sarò pronto questo avverrà, mi piace, è in questo che la Gestalt è diversa dalla psicanalisi, vero?

Valeria Conte, Il lavoro con un paziente seriamente disturbato: l’evoluzione di una relazione terapeutica in G. Salonia,V. Conte, P. Argentino, Devo sapere subito se sono vivo. Saggi di psicopatologia gestaltica, Ed. Il pozzo di Giacobbe, pag. 103