Altra sfida della terapia con i depressi è il senso di immobilità che si vive a lungo nelle sedute: dallo sfondo non emerge mai una figura nuova. Fermo il fluire del corpo e dell’intercorporeità, fermo il fluire del tempo, ferme le parole dell’incontro: parafrasando il poeta, potremmo dire che la depressione ‘pietrifica la soglia’. Al terapeuta si richiede di rimanere presente nell’intercorporeità: solo attraversando la pietrificazione e restando attento ai lievi movimenti nel corpo proprio e in quello del paziente, potrà riemergere, con un ritmo lentissimo, un con-esserci di presenze in cammino. Dal corpo verranno, infatti, i primi lenti ma significativi movimenti di apertura del corpo (un sussulto, uno sguardo prolungato di un attimo, una postura più aperta…) e delle parole che sono segno che la vita sta ri-partorendo la relazione e la relazione sta ri-partorendo la vita.
Giovanni Salonia, L’improvviso, inesplicabile sparire dell’Altro. Depressione, Gestalt Therapy e
Postmodernità in G. Salonia,V. Conte, P. Argentino, Devo sapere subito se sono vivo. Saggi di psicopatologia gestaltica, Ed. Il pozzo di Giacobbe, pag. 192




Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano file di piccole dimensioni (cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente. I Cookie tecnici, per generare rapporti sull'utilizzo della navigazione cookie statistici e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti e i cookie di profilazione. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore. <p><a href="https://www.gestaltherapy.it/cookies-policy/" target="_blank">Cookies policy</a></p> Privacy policy