Della libertà del gesto musicale si considerino alcuni aspetti: la corrispondenza del gesto con la sensibilità personale (formatasi nelle relazioni precoci), con la postura (anch’essa ‘storia’ di relazioni) e con l’ambiente. La sua genesi è quindi nel ‘contatto’ tra Organismo (da qui in poi solo O.) e Ambiente (solo A.). Nella sua spontaneità, il gesto rappresenta dunque il Sé in contatto del musicista e, in secondo luogo, l’assenza di sforzo (fluidità) e di tensioni che impediscono lo scorrere normale del movimento. 
Opera di Angelo Ruta
Due sono i problemi in cui il musicista può incappare: da un lato il tecnicismo, in cui si tende a staccare l’esecuzione strumentale da un sentire propriamente corporeo; dall’altro invece l’eccessivo coinvolgimento, dove il sentire si tramuta in una tensione a livelli sovrabbondanti e che, allo stesso tempo, rischia di impedire il fluire della musica. Anche l’eccessiva tendenza al controllo altro non è che tensione che interferisce e impedisce la libertà e la spontaneità del gesto. Spesso il musicista è ossessionato dal cercare di controllare quei processi corporei che invece, se lasciati alla loro naturalezza, ‘suonerebbero bene’ da soli. In questo si può situare l’importanza del gesto: la fiducia nella spontaneità del gesto musicale e nei processi che il proprio corpo esegue. Ecco perché i pazienti hanno bisogno di un lavoro di tipo percettivo e affettivo-relazionale riguardante la stabilità e la flessibilità corporea, il Modello Relazionale di Base e la loro storia relazionale, anche in relazione all’attività musicale.

Giovanni Turra e Elena Ponzio, Il crampo del violinista. La Gestalt Therapy nel trattamento della distonia focale alla mano del musicista, inGTK 6, Rivista di Psicoterapia, Maggio 2016, pag. 74

Per leggere l’articolo completo collegati QUI, registrati al sito e scarica il nuovo numero della Rivista di Psicoterapia Gtk!