Uno dei rischi che stiamo correndo in questo periodo di grande interesse per il dialogo è quello di cominciare a pensare che la comunicazione crei la comunione. In realtà, la situazione è decisamente capovolta: si comunica a partire dalla comunione. Perciò la comunicazione serve a esprimerla e non a crearla! Accettare la diversità significa non porre come condizione della fiducia e del voler bene all’altro il riuscire a capirlo. E’ necessario cercare di capire, ma è pure necessario non ostinarsi a capire: bisogna anche rispettare il mistero dell’altro. […] Sembra un fallimento della comunicazione ed è invece un esempio luminoso del rispetto della diversità secondo cui si dà fiducia all’altro, anche se a noi incomprensibile. Non si vive insieme perché ci si capisce, non si comanda né si ubbidisce perché ci si comprende. Il mistero dell’altro e il mistero del vivere insieme a volte ci chiedono un’umile accettazione del non-capirsi.

Giovanni Salonia, Odòs, la Via della vita. Genesi e guarigione dei legami fraterni, EDB, Bologna 2008, pp. 181-182



Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano file di piccole dimensioni (cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente. I Cookie tecnici, per generare rapporti sull'utilizzo della navigazione cookie statistici e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti e i cookie di profilazione. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore. <p><a href="https://www.gestaltherapy.it/cookies-policy/" target="_blank">Cookies policy</a></p> Privacy policy