La depressione, in sintesi, racconta dello scacco estremo subìto da qualcuno indifeso che si fidava dell’Altro ma ne ha sperimentato l’improvviso e ostinato sparire: con l’Altro sono così scomparsi il fidarsi e l’affidarsi. La relazione terapeutica ha il compito di ridare un grembo a quella che Lowen chiama la ‘fede’ nella vita e che è, in realtà, fede nella fedeltà dell’Altro. Solo attraversando (di nuovo!) la propria morte – ci ricorda F. Perls – ma accompagnati fino alla fine da un Altro, è possibile uscire dal lungo tunnel per rivedere la propria e le altrui stelle…
Giovanni Salonia, L’improvviso, inesplicabile sparire dell’Altro. Depressione, Gestalt Therapy e Postmodernità in G. Salonia, V. Conte, P. Argentino, Devo sapere subito se sono vivo. Saggi di psicopatologia gestaltica, Ed. Il pozzo di Giacobbe, p. 192


Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano file di piccole dimensioni (cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente. I Cookie tecnici, per generare rapporti sull'utilizzo della navigazione cookie statistici e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti e i cookie di profilazione. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore. <p><a href="https://www.gestaltherapy.it/cookies-policy/" target="_blank">Cookies policy</a></p> Privacy policy