Anche se è vero che il rapporto interpersonale non è né può essere disciplinato da rigide norme di comportamento (dato che la relazione è un’esperienza sempre nuova e irripetibile), nel campo della ricerca sono state individuate dinamiche che risultano presenti in ogni rapporto che possa definirsi valido. Si tratta di sei dimensioni bipolari della interazione comunicativa, che consentono di presentare i principi del comportamento relazionale: un polo che crea rapporti difensivi, l’altro rapporti positivi.  [Ecco la prima:]
Dimensione “valutazione” verso (=vs) “descrizione”. La prima polarità, la valutazione, si riferisce al voler giudicare i valori ed il comportamento dei partners dell’interazione, determinando in questi ultimi un atteggiamento di difesa. La polarità descrizione, invece, esprime uno stile comunicativo che non spinge gli altri a mutare il proprio comportamento. La comunicazione descrittiva si realizza attraverso la verbalizzazione dei fatti osservabili (esprimerli cioè come sono percepiti da chi comunica) e attraverso domande in cui si senta l’autentica richiesta di informazioni da parte di chi le pone.

Giovanni Salonia, Kairòs – Direzione Spirituale e Animazione Comunitaria, EDB, Bologna 2006, p. 112