Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Facebook Pixel [noscript]” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

F. mi chiede la diagnosi:
Sono malato di mente?
Emerge la funzione-Personalità, sento che questo è un momento delicatissimo, non posso evitargli la sofferenza, ma sento che devo proteggerlo. Riporto qui il verbatim in maniera integrale per vedere come, a mio avviso, questo avviene.
Il malato di mente è una persona che soffre e anche lei ha molto sofferto – gli dico.
Che tipo di malato di mente?
L’ansia e l’eccitazione per questa novità che sento in lui e la fiducia che sia pronto ad avere una risposta proprio in questo tempo della terapia mi fanno rispondere:
– Disturbo di personalità narcisistica con nucleo psicotico.
– Significa che sono pazzo?
– Quando la sofferenza è tanta si impazzisce.
– Lei sa qualcosa che non mi dice?
– Forse qualcosa che non mi ha chiesto.

Valeria Conte, Il lavoro con un paziente seriamente disturbato: l’evoluzione di una relazione terapeutica, in G. Salonia,V. Conte, P. Argentino, Devo sapere subito se sono vivo. Saggi di psicopatologia gestaltica, Ed. Il pozzo di Giacobbe, p. 101

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano file di piccole dimensioni (cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente. I Cookie tecnici, per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione cookie statistici e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti e i cookie di profilazione. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.
Cookies policy
Privacy policy