Oltre a questa categoria di fobie (diffusive), esistono fobie ben circoscritte (monotematiche) che bloccano solamente il senso di pienezza del soggetto. Si tratta di soggetti che hanno un buon senso di integrità e di vita relazionale, professionale e sociale, ma non riescono a superare fobie di precisi oggetti o situazioni (ad es., la fobia dell’aereo e simili) che rimandano a qualche lieve blocco della crescita. Poiché l’oggetto rimane sempre lo stesso e non è presente in modo abituale nell’esistenza del soggetto, egli con accorgimenti tattici riesce ad evitarlo senza notevoli disagi. Nel momento in cui il soggetto viene attratto da un nuovo compito evolutivo (a livello affettivo o professionale) che lo costringe a fare i conti con l’oggetto fobico, prende in considerazione la concreta possibilità di ricorrere ad una psicoterapia per superare questo limite.

Giovanni Salonia, L’angoscia dell’agire tra eccitazione e trasgressione. La Gestalt Therapy con gli stili relazionali fobico-ossessivo-compulsivi, in G. Salonia,V. Conte, P. Argentino, Devo sapere subito se sono vivo. Saggi di psicopatologia gestaltica, Ed. Il pozzo di Giacobbe, p. 204