Alla GT non interessa il perché le cose sono accadute, ma come ancora oggi accadono – è il tempo presente (ciò che oggi sono e il mio modo di relazionarmi nel mondo) che ha in sé il passato (ciò che ho appreso nelle relazioni primarie) ed il futuro (la possibilità di cambiare i modelli relazionali disfunzionali). Nel tempo presente (now for next) vivo e sperimento la situazione incompiuta (ciò che mi è mancato) e riporto nell’esperienza relazionale nuova i modi che ho appreso per evitare il dolore.  La relazione terapeutica ha le caratteristiche e la specificità di una relazione primaria e diventa essa stessa strumento di cura: a livello sincronico, nel modo in cui si lavora di seduta in seduta; e a livello diacronico, in che tempo della seduta e del processo terapeutico si interviene.

Valeria Conte, La Gestalt Therapy e i pazienti gravi, in GTK2 settembre 2011, p. 27


Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano file di piccole dimensioni (cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente. I Cookie tecnici, per generare rapporti sull'utilizzo della navigazione cookie statistici e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti e i cookie di profilazione. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore. <p><a href="https://www.gestaltherapy.it/cookies-policy/" target="_blank">Cookies policy</a></p> Privacy policy