Con questo termine, preso dalla cibernetica, si indica la reazione (o informazione di ritorno) ad un comportamento qualsiasi (verbale o non verbale). “Non so mai esattamente cosa ho detto – usava affermare Wiener, uno dei fondatori della cibernetica – se prima non ho sentito la risposta a quello che ho detto”. Feedback relazionale è ogni cosa che riguarda la reazione, nostra o altrui, ai comportamenti nostri o altrui. Dare, ricevere feedback aiuta […] e permette di evitare il rischio di intessere con l’altro rapporti fantastici. […] Quante volte, dopo un dialogo chiarificatore, ci si accorge che l’altro non aveva intenzioni negative nei nostri confronti o che le divergenze erano dovute a fraintendimenti! Spesso ci sentiamo trascurati o vittime senza prima esserci accertati della reale intenzione dell’altro di farci del male. Prima di perdonare l’altro è utile chiarire: forse l’altro non ha bisogno del nostro perdono! E’ anche espressione di umiltà rinunciare alla pretesa di essere capiti senza esprimerci, per comportamenti, allusioni o gesti che sono “chiarissimi” e trasparenti solo per noi.

Giovanni Salonia, Kairòs – Direzione Spirituale e Animazione Comunitaria, EDB, Bologna 2006, pp. 105-106