Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Facebook Pixel [noscript]” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Un interrogativo rimane spalancato e ci inquieta: la hybris – che porta la rovina – è scelta o destino? Ovvero, l’appellarsi di Creonte agli dei che gli hanno offuscato la mente («Il male sembra talvolta un bene – canta il coro – a colui cui un dio spinge il senno alla rovina», vv. 623-624) è incapacità di assumersi la colpa o fa parte della tragicità del destino dell’uomo? Ogni uomo è un Creonte o – anche se in differenti modi – un Edipo, che va ostinato e accecato verso la propria distruzione? Quest’uomo – cantato dal coro come «prodigio mandato dagli dei» (v. 378), sottoposto al dramma della scelta tra il bene o il male – è in realtà, condannato ad un destino di hybris che deve compiersi…?

Giovanni Salonia, La grazia dell’Audacia. Per una lettura gestaltica dell’Antigone, ed. Il Pozzo di Giacobbe, Giugno 2012, p. 24


Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano file di piccole dimensioni (cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente. I Cookie tecnici, per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione cookie statistici e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti e i cookie di profilazione. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.
Cookies policy
Privacy policy