Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Facebook Pixel [noscript]” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

C’è un tempo nella vita, in cui ci si sente padroni di se stessi e del mondo, un tempo grande in cui bisogna scegliere una strada, lanciarsi, rischiare di costruire e di dar forma. E’ un tempo che ci appartiene intimamente e che non conosce limiti anagrafici, perché quest’impeto è quanto di più bello e di più umano ci portiamo dentro. L’esistenza che prende forma, che si definisce, esige però di giorno in giorno fedeltà, come ogni cammino – già Platone lo sapeva – in cui la bellezza non debba essere sprecata.  Conservare il bello e il buono della vita costa fatica, richiede occhi capaci di vedere l’invisibile, di gustare il sapore del pane quotidiano, di amare l’inutile, il silenzioso, il particolare, il coraggio della libertà che viene dal limite. 

Antonio Sichera, Fino alla fine. Meditazioni su Getsemani, ed. Il pozzo di Giacobbe, p.42



Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano file di piccole dimensioni (cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente. I Cookie tecnici, per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione cookie statistici e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti e i cookie di profilazione. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.
Cookies policy
Privacy policy