Con l’invidia appare il male nel mondo. Il libro della Sapienza (2, 24) lo dichiara in modo deciso: «Per l’invidia del diavolo è entrata la morte nel mon­do». Si racconta, infatti, di un angelo divenuto diavolo (‘colui che divide’) proprio perché guardò Dio non con la gratitudine creaturale ma con l’invidia ribelle: Dio (l’altro) possedeva la divinità che a lui, angelo/diavolo, mancava. Guardò Dio non per in-contrarlo, ma per invidiarlo e odiarlo. Il vedere l’altro (Dio) si trasformò in in-videre: un vedere che – come viene re­so con il suffisso illativo ‘in’ – si carica di negatività. L’invidia separa e la separazione genera invidia: sembra che diavolo e invidia si ritrovino nello stes­so campo semantico e affettivo. Se invidio il bene dell’altro, mi separo da lui e lo considero rivale; se mi separo da qualcuno, provo invidia per la sua fortuna.

Giovanni Salonia (ed.), “I come invidia”, Cittadella Editrice – Psicoguide, 1° Edizione Marzo 2015, p. 33




Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano file di piccole dimensioni (cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente. I Cookie tecnici, per generare rapporti sull'utilizzo della navigazione cookie statistici e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti e i cookie di profilazione. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore. <p><a href="https://www.gestaltherapy.it/cookies-policy/" target="_blank">Cookies policy</a></p> Privacy policy