Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Facebook Pixel [noscript]” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Il ‘come’ dire la parola ci ricorda l’ineliminabile qualità relazionale di ogni parola. Il terapeuta dice una parola che nasce dall’incontro del suo mondo con quello del paziente. Quanto più sarà presente il mondo del paziente nelle sue parole, tanto maggiore sarà la loro forza curativa. Ecco la necessità di un lungo, attento, rispettoso ascolto. Agostino, in modo magistrale, ne ha scritto la regola aurea: «Ascoltali (i rudi) e poi parla loro con le loro parole». Suggerimento geniale, che ci svela un segreto decisivo per ridare potere curativo alle parole: immergerle dentro il mondo percettivo (bisogni, interessi, valori) dell’altro.

Giovanni Salonia, Sulla Felicità e dintorni. Tra corpo, parola e tempo, Ed. Il Pozzo di Giacobbe, p. 72



Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano file di piccole dimensioni (cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente. I Cookie tecnici, per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione cookie statistici e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti e i cookie di profilazione. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.
Cookies policy
Privacy policy