I nuovi paradigmi del sapere ci ricordano che la cultura non è data dalla molteplicità di dati che una persona possiede (gli strumenti informatici ci permettono un accesso immediato a un numero illimitato di informazioni), ma dalla capacità di saper entrare in relazione con gli altri.
Grande accoglienza hanno avuto i libri di Daniel Goleman, il quale sostiene che la vera intelligenza è la capacità di comprendere e usare le proprie e le altrui emozioni per migliorare la qualità della vita (“intelligenza emotiva”). A me piace parlare di “intelligenza relazionale”, della capacità, cioè, di vivere in modo significativo e nutriente le relazioni interpersonali. E’ questo il multum da apprendere al di là dei multa (molte cose): si tratta dell’apprendimento di un meta livello da cui deriva anche la validità (o meno) degli altri apprendimenti. La vera sapienza aiuta a vivere in modo pieno e a decidere usando la phrònesis (la saggezza, la capacità di fare la cosa giusta al momento giusto) che, – insegna Aristotele – della theoria e della tekne è sintesi e superamento.

Giovanni Salonia, 
Odòs, la Via della vita. Genesi e guarigione dei legami fraterni
EDB, Bologna 2008, pp. 102-103 



Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano file di piccole dimensioni (cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente. I Cookie tecnici, per generare rapporti sull'utilizzo della navigazione cookie statistici e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti e i cookie di profilazione. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore. <p><a href="https://www.gestaltherapy.it/cookies-policy/" target="_blank">Cookies policy</a></p> Privacy policy