Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Facebook Pixel [noscript]” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Si è onesti come psicoterapeuti se si accetta che la relazione terapeutica è una relazione triadica e non diadica. Il Codice Deontologico ha, infatti, come primo significato, quello di ricordare al terapeuta che si sta prendendo cura del paziente in nome della comunità. La presenza simbolica ma determinante del “terzo” nel setting terapeutico è garanzia di efficacia e di validità. Il “terzo” in terapia si declina in molte forme: la comunità civile, il modello terapeutico e la scuola di appartenenza, la supervisione, il coterapeuta. D’altronde anche nella crescita ogni diade genitore-figlio trova la sua validità ed efficacia nel triangolo cogenitoriale: si è “genitore-di-un-figlio” se si è “genitore-con-il-cogenitore”. Pensarsi l’unico salvatore o l’unico terapeuta per un paziente non è onesto e non aiuta il percorso di guarigione o di maturazione del paziente.

Giovanni Salonia, La saggezza dell’onestà. L’esperienza dello psicoterapeuta insegna umiltà per i propri errori, in Messaggero Cappuccino




Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano file di piccole dimensioni (cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente. I Cookie tecnici, per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione cookie statistici e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti e i cookie di profilazione. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.
Cookies policy
Privacy policy